Backup in KDE con Git e qtlibgit

Il backup è qualcosa di cui un buon geek non può stare senza.
Film, documenti, musica, codici sorgenti e applicazioni introvabili sono tutti file che non vorremo mai perdere…
Dobbiamo essere pronti a duplicarli, e a duplicarli, e a duplicarli… Tre is meglio che one!

Git mascotte

Qui su Micene.net abbiamo già tratto la questione backup, consigliandovi un semplice e “simpatico” programmino da utilizzare sotto Linux (vedi: Apple “back-in-time” su Linux) e introducendo quel mostro sacro chiamato rsync (vedi: Rsync ottima utility per il backup in Linux).

Questa volta non segnaleremo alcun software: questa volta lanceremo un’idea, una proposta.

Navigando nella rete sono incappato in questo post: Fare backup con Git? che introduce com’è possibile usare Git per effettuare backup dei nostri dati.
Per chi non lo sapesse Git è un programma da riga di comando (sono presnti anche delle GUI, ma non molto complete), inventato dal Supremo Signore di Linux Linus Torvalds, che permette di effettuare il controllo di versione dei sorgenti dei programmi. Non ci addentreremo ulteriormente sull’argomento Git, nel caso vogliate approfondire c’è sempre Wikipedia (Wikipedia: Git) e il sito ufficiale del progetto (Git).

Incuriosito dall’idea, cioè di fare dei backup incrementali con Git, ho Googleato in giro e a quanto pare sembra che Git, da certi punti di vista, sia meglio di Rsync… Basta fare una rapida ricerca per leggere le opinioni degli utenti sull’argomento.

Sempre più entusiasta della situazione, ho continuato a cercare e ho scoperto che esistono delle librerie “orientate alle Qt” per usare Git (vedi: libQtGit, Gitorious repository libQtGit).

A librerie per Git sembra essersi interessato anche il Super Programmatore Supremo Aaron Seigo, uno che ci ha messo molto di suo in KDE 4 (vedi: git library?).

Bene!

Proposta:
Perchè non realizziamo una GUI mirata ad effettuare backup utilizzando Git?

Scommetto che sarebbe un’applicazione molto apprezzata dall’utenza desktop.

Il sasso è stato lanciato.

A chi gusta l’idea?
Se siete interessati lasciateci un commento o scrivetemi una e-mail.

P.S.
La realizzazione di questo post è di qualche settimana fa’, nel frattempo ho trovato altre persone che la pensano come me sull’argomento, vedi qui. La questione si fa sempre più interessante.